B&B Ragusa - Bed and Breakfast Terrazza dei sogni - Tutte le spiagge della provincia di Ragusa

EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Tutte le spiagge della provincia di Ragusa

La meravigliosa provincia di Ragusa offre circa 50km di costa, da Kamarina fino a Pozzallo, in un susseguirsi di borghi di pescatori con piccole spiagge appartate e luoghi di villeggiatura prevalentemente turistici con “movida notturna”. Molteplici dunque sono le spiagge da visitare, dove rilassarsi e fare un bagno nei mesi più caldi. Di seguito sono riportate le più importanti e frequentate:

Marina di Ragusa: tra le molteplici spiagge presenti nella provincia, la più rinomata è senz’altro Marina di Ragusa, distante solo 20Km da Ragusa, dislocata lungo il versante meridionale dell’isola, di fronte alle spiagge del continente africano. Facilmente raggiungibile in macchina o autobus (nel periodo estivo partono da Ragusa Superiore ogni ora circa).
“Mazzarelli”, così chiamata dagli abitanti, è un moderno luogo di villeggiatura e di mare, che vanta un clima gradevole otto mesi l’anno. Questo apprezzato borgo di mare offre ampie opportunità di relax e di divertimento ed accoglie, nel periodo di alta stagione, oltre 65.000 villeggianti italiani e stranieri, che apprezzano sempre più i lidi e le spiagge di sabbia dorata finissima. Il litorale è popolato di ottimi ristoranti, negozi, pub, chalet e bar, orgogliosamente custoditi dalla sua gente mite e gelosa della propria “qualità di vita”.
Marina di Ragusa vanta anche uno splendido e nuovissimo porto turistico, progettato alla fine degli anni ottanta, ma a causa di motivi burocratici ed economici vede la sua realizzazione anni dopo, infatti grazie ai fondi dell'Unione Europea, il progetto è stato rifinanziato. Il porto fu così inaugurato il 10 Luglio 2009.
Premi riconosciuti a Marina di Ragusa:
Dal 2009 ad oggi Marina di Ragusa può vantare l’assegnazione della bandiera blu dalla FEE, “Foundation for Environmental Education”; tale riconoscimento prende in considerazione la qualità delle coste, delle acque, dei servizi, delle misure di sicurezza e dell’educazione ambientale. Dunque, insieme alla vicina Pozzallo, Marina di Ragusa risulta essere una delle quattro spiagge migliori della Sicilia nel 2014(secondo gli standard FEE).
Trip Advisor, inoltre, ha eletto Marina di Ragusa come una delle spiagge più belle d’Italia e dal 2009 viene attribuita alla città la “Palma d’oro” fra i litorali più amati del belpaese, per la sabbia dorata e finissima delle sue spiagge.
Brevi cenni storici Marina di Ragusa:
Marina di Ragusa, anticamente conosciuta come Mazzarelli, nome  derivante dall’arabo “Marsa A’Rillah” significante “piccolo approdo”, nasce come borgo di pescatori con lo scopo di esportare quanto prodotto nell’entroterra ragusano, come ad esempio carrube, cereali e caciocavallo.
Nel XVI secolo Mazzarelli fu dotata dai Cabrera, Vicerè di Spagna titolari della Conte di Modica, di una torre di avvistamento per prevenire le incursioni piratesche.
Solo nel 1928, per volontà del fascista Filippo Pennavaria, il nome si trasforma nell’attuale Marina di Ragusa e negli anni 50, quello che era un piccolo borgo di pescatori, inizia a diventare meta di villeggiatura estiva e oggi centro balneare ambito da molti turisti.
 
Kamarina: è uno fra i siti archeologici più importanti della Sicilia e costituisce un prezioso patrimonio terrestre e sottomarino. Fu un’importantissima colonia di Siracusa, diventando anche uno dei massimi esponenti centri agricoli per i fiorenti scambi commerciali dell’entroterra ragusano. Sicuramente da visitare è il Museo Archeologico di Kamarina, che presenta una fasta collezione di reperti che vanno dalla preistoria al periodo antico greco.
Si dice che ancora oggi, nelle acque di questo luogo, si nascondano reperti non trovati.
 
Scoglitti: è la frazione balneare del Comune di Vittoria e si affaccia sul Golfo di Gela. Una delle più belle caratteristiche di questo villaggio di pescatori, oltre all’asta del pesce pomeridiana che anima il centro abitato, sono le dune bianche che si vengono a formare grazie alla sabbia finissima. Questa zona balneare è dotata di due piccoli porti: uno turistico e l’altro di rifugio per le barche da pesca.
 
Riserva naturale di Randello: è un’area protetta, dislocata tra Punta Braccetto e Scoglitti. E’ costituita da un fitto bosco di pini e da molteplici varietà arboree. La riserva offre una lunga e meravigliosa spiaggia con mare cristallino, votata da Legambiente e Touring Club come una delle più belle spiagge d’Italia ed inserita nella Guida Blu 2014.
 
Punta Braccetto: la località di Punta Braccetto è composta da un litorale caratterizzato da una sabbia finissima e da una costa rocciosa, esempio raro per tutta la zona, conosciuta come i Canalotti. La spiaggia di Punta Braccetto si protrae per un discreto tratto compreso da due costoni rocciosi: su uno di essi sono ancora visibili i resti di un’antica costruzione militare di avvistamento. Questo luogo è famoso per le sue insenature, dove l’acqua scende rapidamente in profondità, permettendo agli appassionati di praticare snorkeling e pesca subacquea.
Anche Punta Braccetto è stata riconosciuta da Touring Club come una delle più belle spiagge d’Italia ed inserita nella Guida Blu 2014.
 
Torre di Mezzo: questo tratto di costa è molto apprezzato dai villeggianti per l’ampia spiaggia racchiusa tra due speroni rocciosi che la proteggono. Comoda anche per coloro che preferiscono usufruire di servizi sdraio e ombrelloni, vista la presenza di uno chalet che domina la spiaggia.

Punta Secca: questa graziosa località balneare negli anni ha visto crescere molto la sua fama grazie alla celebre fiction del Commissario Montalbano. Numerosi, infatti, sono i turisti che si recano in questo luogo solamente per curiosare la famosa Casa del Commissario e il mare dove egli è solito nuotare. Punta Secca viene comunemente detta “a’Sicca”, ossia la secca, a causa della presenza di scogli anomali al largo, che in passato causavano spesso naufragi alle imbarcazioni. Proprio per questo motivo, venne issato nel 1853 un faro alto 34 metri, ancora oggi considerato il più importante di tutta la costa ragusana.
 
Caucana: si tratta di un centro balneare che conserva antiche origini, infatti fu sede di un insediamento da parte degli esuli di Kamarina scampati alla distruzione della città nel 258 a.C. Di questo periodo restano evidenti tracce storiche all’interno del Parco Archeologico di Kaukana. Divenne importante centro portuale, tanto da ospitare nel 533 d.C. la flotta del generale bizantino Belisario prima della sua partenza per la conquista del nord-africa, all’epoca occupata dai Vandali. La spiaggia libera è molto apprezzata dai villeggianti per la limpidezza delle acque e per la sua estensione che permette di trovare un posto anche durante i periodi più affollati.
 
Riserva naturale Foce dell’Irminio: facilmente raggiungibile da Marina di Ragusa questo luogo potrebbe essere paragonato ad un angolo di paradiso, dove il mondo moderno, con la sua confusione e i suoi rumori, sembra ancora non essere arrivato. L’Irminio è il fiume più lungo della provincia di Ragusa e la sua foce è appunto diventata un’area naturalistica protetta in cui la classica vegetazione mediterranea si unisce ad un mare limpido.
Touring Club la classifica come una delle più belle spiagge d’Italia e viene inserita nella Guida Blu 2014.
 
Playa Grande: piccola e graziosa località balneare situata tra Donnalucata e la Riserva della Foce dell’Irminio, dotata di spiagge dorate e mare cristallino.
 
Donnalucata: ciò che caratterizza ed anima questo piccolo borgo di pescatori è senz’altro la vendita del pesce nel mercato mattutino, dove si può facilmente trovare, ad un prezzo conveniente, ogni varietà di pescato. La cittadina è attraversata da un grazioso lungomare. Spostandosi dal centro vi è un susseguirsi di bellissime spiagge poco frequentate come Palo Bianco, Palo Rosso e Spinasanta, luoghi dove ci si può rifugiare allontanandosi dal caos estivo. Grazie alle sue coste ventose e mari ondosi, quest’area è ideale per la pratica di surf, windsurf e kitesurf.
 
Cava d’Aliga: bellissima spiaggia caratterizzata da due scogliere che offrono un panorama pittoresco. Meta villeggiante soprattutto di gente locale, ma grazie alle sue acque ondose, ospita anche parecchi surfers. Diverse cave, tra cui la bellissima grotta dei Contrabbandieri, si sono formate a causa delle costanti onde. Nelle belle giornate, durante le prime ore pomeridiane, la grotta si illumina di un chiarore spettacolare.

Sampieri: negli ultimi anni questa piccola frazione di Scicli, ha registrato un incremento notevole nel settore turistico, grazie alle sue spiagge selvagge ed incontaminate, le quali si estendono per oltre 3 km.
In una parte del litorale, resta in piedi lo scheletro della Fornace Penna, stabilimento industriale incendiato nel 1924 ed utilizzato in passato per la produzione di materiali per costruzioni. La Fornace costituisce oggi un'attrattiva turistica molto popolare in quanto location di alcuni episodi della serie televisiva “Il Commissario Montalbano”.
Rinomato anche il suo lungomare, definito ampio e panoramico. Inoltre la sera è molto gettonata dai giovani per le sue belle feste in spiaggia, la musica e il divertimento che offre.
Legambiente e Touring Club Italiano l’hanno annoverata tra le spiagge più belle d’Italia ed inserita nella “Guida Blu 2014”.

Marina di Modica e Maganuco: la baia di Marina di Modica è una nota villeggiatura estiva, ben attrezzata. Consigliata anche per coloro che praticano sport acquatici come Surf e Windsurf, grazie ai suoi venti favorevoli. La presenza di negozi e locali notturni rende questo luogo di villeggiatura vivace e movimentato. La baia di Maganuco, presenta un chilometro di spiaggia meravigliosa con alte dune bianche. Il mare è azzurro e limpido con il fondale che digrada dolcemente verso il mare.

Pozzallo: è il centro balneare più grande della provincia di Ragusa. Deve la sua importanza a Bernardo Cabrera conte di Modica, il quale ne fece punto di approdo per gli scambi commerciali con la Spagna. Egli fece costruire un bastione di guardia, per difendere la città dagli attacchi pirateschi. Il mare blu intenso, assai pulito, spiagge ben attrezzate, tanto da ricevere nel 2002 il prestigioso riconoscimento della bandiera blu. La vita notturna è assai movimentata, grazie ai numerosi locali notturni presenti in gran parte del lungomare.

Santa Maria del Focallo: qualche chilometro dopo Pozzallo si arriva alla spiaggia di Santa Maria del Focallo appartenente al comune di Ispica. Di sicuro la spiaggia è la più grande della provincia di Ragusa, lunga circa 8km a tratti selvaggia, bagnata da un mare limpido e cristallino ma spesso mosso a causa della sua posizione molto esposta. Meta ideale per chi svolge sport acquatici come Surf, Windsurf e Kitesurf ma anche per coloro che vogliono allontanarsi dalle spiagge affollate e trovare pace e tranquillità. Touring Club la definisce come una delle più belle spiagge d’Italia e la inserisce nella prestigiosa “Guida Blu” 2014.


Marzamemi e Portopalo di Capopassero: fanno parte della provincia di Siracusa ma distano circa 50 minuti d’auto da Ragusa, e per gli amanti delle spiagge bianche e mare caraibico meritano sicuramente una visita.

A Portopalo di Capopassero prevalentemente le spiagge più meritevoli sono 2. Una quella di Carratois con la possibilità di affittare lettini. L’altra quella della “madoninna” dove è possibile raggiungere l’isola delle correnti. Un isolotto a pochi metri dalla costa dove si può stare in perfetta solitudine.

Marzamemi oltre ad una distesa di sabbia bianca finissima, nella sua pittoresca piazza e nelle zone circostanti il porto, offre una grandissima quantità di ristoranti per la maggior parte specializzati nella preparazione di pietanze a base di pesce quasi sempre comprato il giorno stesso nel vicino mercato giornaliero di Portopalo.

Sicuramente una visita va fatta anche alle vicine spiagge di San Lorenzo e Calamosche dove rimarrete sicuramente colpiti!